Passpartù on air: il naufragio dell’accoglienza e la morte del diritto d’asilo

30/04/2015
2010_17101_72347

Nei giorni del naufragio di Lampedusa dell’ottobre 2013, durante una manifestazione per le strade di Roma, un cartello tenuto in mano da un giovane ragazzo straniero suggeriva “Invece di dare la cittadinanza ai morti date la residenza ai vivi!”. Oggi, nella settimana della commiserazione per l’ultimo naufragio avvenuto nel Mediterraneo, varrebbe allora la pena tenere a mente quel cartello e, oltre al ricordo delle centinaia di …

Passpartù on air: Nuovi dati sui vecchi schiavismi nelle campagne d’Italia

20/04/2015
191148416-a499be8d-46ee-45fe-95a9-9d58f5085d6c

Rosarno, Calabria. L’83% dei braccianti stranieri impiegati nella raccolta di clementine e arance non ha un contratto. Vulture, Basilicata. Qui il 98% dei braccianti vive in baracche, casolari abbandonati, tendopoli. È questa la cruda realtà delle campagne italiane che fotografa nelle sue pagine il rapporto “Terraingiusta 2015″ di Medici per i diritti umani (MEDU). Segnaliamo la nuova puntata di Passpartù, trasmissione dell’agenzia radiofonica Amisnet . Da circa due …

Passpartù on air: Accettare Khartum per bloccare i profughi

15/04/2015
image_2160e-Sahara

Sono mesi intensi questi, sul fronte delle migrazioni transnazionali infatti Europa, paesi del corno d’Africa e diversi stati Sub-Sahariani si stanno accordando per tentate di porre un argine ai flussi diretti verso l’Unione Europea. I media parlano di cooperazione internazionale e costruzione di nuovi campi di accoglienza ma in realtà l’unica cosa certa e che per i profughi ci saranno solo nuove frontiere da superare e …

Passpartù on air: 40 anni di desaparición dall’Argentina di Videla ai nostri giorni

08/04/2015
desaparecidos

Il 24 marzo 1976 un colpo di stato militare instaurava la dittatura in Argentina. Nel corso dei sette anni successivi 40.000 persone vennero fatte sparire dalla giunta militare e migliaia di altre scelsero l’esilio per fuggire la morte. Le voci dell’ex console italiano Enrico Calamai e dei rifugiati argentini in Italia ci permettono di affrontare il tema dei traumi psicologici conseguenti alle migrazioni forzate così come quello …

Passpartù on air: Buon compleanno Ex MOI. Dalle case olimpiche agli alloggi per rifugiati

02/04/2015
ex-moi-rifugiati

Due anni fa decine di migliaia di persone vennero buttate fuori dal Piano di Emergenza Nord Africa predisposto dall’Italia per accogliere i profughi delle primavere arabe. Due anni fa 800 di loro a Torino occupavano le palazzine dell’Ex MOI e iniziavano una nuova vita. Sono palazzine colorate e decrepite quelle tirate su in fretta e furia per ospitare le delegazioni olimpiche di mezzo mondo durante i …

Stesso sangue stesso amore. Il razzismo oggi

23/03/2015
anti-racism-campaign-blood-bags-small-85286

Scrive Sergio Bontempelli “All’inizio del 2014 un sito diffonde la notizia secondo cui ‘dal primo aprile i rom non pagheranno i mezzi pubblici’. Si tratta di una bufala eppure la notizia in pochi giorni registra 310 mila condivisa su Facebook e centinaia di commenti indignati dei lettori”. È questo il nuovo razzismo? Post sui social network che vengono in pochi minuti amplificati da decine di migliaia di utenti, …

Qui fa bene

18/03/2015
quifabene

Qui fa bene: è il titolo del numero monografico dei quaderni di ricerca realizzati dalla cooperativa sociale Aelle il Punto, dedicato ai bisogni di cura dei rifugiati vittime di violenze, torture ed esperienze traumatiche, e alle risposte che il sistema d’accoglienza e la rete dei servizi mettono in campo. Qui fa bene: dove Qui sta per Kairos, progetto pilota – inserito nel sistema Sprar – nato …

Passpartù on air: Uomini e no. Residenza e discriminazione

11/03/2015
foto

È dai tempi del regime fascista che in Italia le istituzioni centrali prima e quelle locali poi tentano di limitare la concessione della residenza ai migranti. Per questo centinaia di migliaia di persone si vedono limitato l’accesso a quei diritti che lo Stato dovrebbe garantire indistintamente a tutti. Si viene così a creare una distinzione tra cittadini di serie A e cittadini di serie B, fatto ancor più grave poiché tale …

Passpartù on air: Ceuta, Melilla e l’invasione che non c’è

04/03/2015
P1020580

Le due città spagnole in territorio marocchino continuano ad attrarre, ogni anno di più, ingenti investimenti europei per il rafforzamento della zona di frontiera, ma in realtà l’invasione tanto paventata non esiste, serve solo a giustificare la brutalità della polizia e a conquistare voti facili per i partiti conservatori. E infatti solo 4000 persone sono entrate illegalmente a Ceuta e Melilla nel corso del 2013 secondo l’agenzia …

Un’occasione da non perdere

27/02/2015
razz1

La Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI), organismo del Consiglio d’Europa, rende note, in un rapporto, le conclusioni sull’attuazione di una serie di raccomandazioni formulate, nel 2012, all’interno dei report nazionali su Islanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo e Montenegro. Come parte integrante del lavoro di monitoraggio generale dell’ECRI, si tratta di un nuovo processo di follow-up intermedio, introdotto per verificare, a due anni dalla pubblicazione …